Visite: 17674

 

SPAZI E AMBIENTI PER L'APPRENDIMENTO


Ambienti per la didattica digitale integrata


La didattica per competenze rappresenta la risposta al bisogno di formazione di giovani che nel futuro saranno chiamati sempre più a reperire, selezionare e organizzare le conoscenze
necessarie a risolvere problemi di vita personale e lavorativa. L’aula tradizionale, con gli insegnanti rigidamente disposti di fronte agli studenti per tutto l'arco della lezione, non consente approcci pedagogici innovativi: le metodologie didattiche del XXI secolo, quali l'apprendimento capovolto (flipped learning), l’approccio collaborativo o project based oppure il problem solving, richiedono cambiamenti nella configurazione dell'aula per consentire movimento e flessibilità.
Obiettivo fondamentale è quello di rafforzare la preparazione dei docenti all’utilizzo del digitale, alla sperimentazione e diffusione di metodologie e processi di didattica attiva e collaborativa allo scopo di rendere lo studente protagonista e co- costruttore del suo sapere attraverso il procedere per compiti di realtà, problemi da risolvere, strategie da trovare e
scelte da motivare.


Un animatore digitale in ogni scuola

Il progetto DigComp 2.1 Coinvolgimento e valorizzazione professionale, intende diffondere tra i docenti la cultura del digitale, delle nuove tecnologie per la didattica e offrire una visionemd’insieme sulle opportunità e sulle applicazioni innovative che grazie al digitale aggiungono ulteriore valore al settore educativo.
In generale, una scuola che educa per competenze riconosce la competenza digitale come “elemento forte” nella progettazione di esperienze di apprendimento in cui il discente diviene consapevole del proprio ruolo di cittadino (digitale).
L’obiettivo del percorso didattico è quello di mostrare come usare efficacemente le Apps in ambito scolastico e strutturare attività didattiche in cui si dimostra vantaggioso l’impiego di strumenti cloud per favorire l’azione laboratoriale.
Il quadro di competenza DigCompEdu (Digital Competence Framework for Educators) è il documento che descrive le competenze di cui deve essere in possesso chi insegna nella scuola del III millennio. Per questo motivo l’unità formativa che si propone ha come finalità facilitare la transizione dalla didattica tradizionale alla didattica innovativa e si articolerà in
modo tale da sviluppare le aree di competenza che seguono.

 

Area 2. Risorse digitali


2.1 Selezionare risorse digitali.
Identificare, valutare e selezionare risorse digitali per l’insegnamento e l’apprendimento, nel rispetto del copyright.
2.2 Organizzare, condividere e pubblicare risorse digitali.
Organizzare risorse digitali per l’uso personale corrente, l’uso e ri-uso futuro, la condivisione con altri. Pubblicare digitalmente risorse di apprendimento e condividerle con gli studenti.
2.3 Creare e modificare risorse digitali.
Modificare e produrre sulla base di risorse aperte quando lecito. Considerare gli obiettivi didattici, il contesto, l'approccio pedagogico e il gruppo degli studenti quando si progettano
risorse digitali e si pianifica il loro uso.

Area 3. Didattica digitale


3.1 Progettazione
Includere dispositivi e materiali didattici digitali nel processo educativo per migliorare l’efficacia delle pratiche didattiche. Supportare in modo appropriato, gestire e progettare le
attività didattiche con le tecnologie digitali. Sperimentare e sviluppare nuovi modelli e metodi didattici.
3.2 Interazione docente-studente
Usare gli strumenti e i servizi digitali per migliorare l’interazione con gli studenti, individualmente e con il gruppo classe, durante e oltre il tempo delle lezioni. Sperimentare e
sviluppare nuovi modelli per offrire guida e supporto.
3.3 Collaborazione fra studenti
Usare le tecnologie digitali per favorire e migliorare le strategie di apprendimento collaborativo: per lo scambio nei gruppi, come strumento per condurre compiti collaborativi o
come strumento per presentare risultati.

Area 5. Valorizzare gli studenti


5.1 Accessibilità e inclusione
Assicurare l’accesso alle risorse e attività didattiche a tutti gli studenti inclusi quelli con bisognispeciali.
5.2 Individualizzazione e personalizzazione
Usare strumenti digitali per rispondere ai diversi bisogni di apprendimento degli studenti:
lasciarli seguire diversi percorsi di apprendimento e obiettivi, dare la possibilità di utilizzare differenti approcci e strumenti, permettere agli studenti di procedere a diverse velocità per raggiungere risultati di apprendimento individualizzati.
5.3 Coinvolgere attivamente gli studenti
Usare le tecnologie digitali per favorire negli studenti un atteggiamento attivo e creativo nell’ambito delle materie di studio.

Torna su